A cavallo nel Cilento incantato

venerdì 28 ottobre alle ore 20.00 – 01 novembre alle ore 20.00
Luogo Casal Velino, Moio della Civitella, Rofrano, San Nazario, Casal Velino.
Agrituirsmo I Moresani – loc. Moresani tel.: 3473605586 (Gino Fedullo) – 3463091085 (Marco Porcedda) – 3497742878 (Claudia Voiro).
Casal Velino (SA)

informazioni Il paesaggio più greco d’Italia è il Cilento, colorato dalle ginestre e profumato dal lentisco: baie cristalline, alture impervie e valloni mozzafiato, ulivi secolari, pini d’aleppo che si gettano in mare, santuari persi fra i monti. Si ha l’impressione che gli uomini che hanno abitato questa terra nel corso dei secoli abbiano finito per assomigliare alla natura dei luoghi, severa come un’antica madre mediterranea. L’ostinata di…fesa delle ricchezze naturali e del patrimonio culturale di queste terre è il must dell’azienda agricola I Moresani (www.imoresani.com), la cui cucina porterà a compimento il ns. percorso a cavallo.

L’itinerario proposto è uno splendido percorso tra la natura più suggestiva e la storia più antica del Cilento alle radici più profonde della nostra cultura:
1° tappa (1° giorno): Dalle colline dei Moresani verso il mare lungo la valle del fiume Alento, per dirigersi verso la valle del fiume Mingardo ed il Massiccio del Bulgheria, sul versante meridionale del quale dominano le aride Garighe mediterranee che si tingono di colori incredibili per le estese fioriture di lavanda e per risalire fino ai ruderi della fortezza greco romana del Monte Civitella. Rientro in Agriturismo con mini bus. Cena e pernottamento.
2° tappa (2° giorno): Ci inoltriamo in un ambiente ricco di vegetazione montana e borghi dal sapore antico per arrivare fino a Rofrano. La nascita di questo paese si colloca intorno all’anno mille. Il nucleo urbano originario sorse a ridosso del insediamento religioso costituito dalla basilica e dal convento che ospitava una comunità di monaci basiliani. Nel vecchio convento ristrutturato ed adibito a Bed & Breakfast saremo ospitati dalla gentilissima proprietaria.
3° tappa (3° giorno): alla volta del paese di S. Nazario, frazione di S. Mauro La Bruca nella valle del Lambro e del Mingardo, le cui origini sono da ricercarsi nella colonizzazione greco-bizantina delle terre dell’Italia meridionale ad opera di laici e monaci basiliani, e risalente a prima del X secolo. La vista si apre verso il monte Bulgheria (detto la leonessa addormentata, 1225 mt slm), il cui nome deriva dai coloni bulgari, che qui si stanziarono prima dell’anno 500. Nel borgo di S. Nazario ci fermeremo per la notte, ospiti di due Bed & Breakfast del posto.
4° tappa (4° giorno): Si riparte alla volta del mare, inoltrandoci in boschi fitti di castagni e felci, fino a raggiungere Mandia, frazione del comune di Ascea, piccolo borgo arroccato su una collina, fino alla vecchia via del sale, per raggiungere il mare di Velia Elea, l’antica città fondata dai Focei nel 500 a.c., culla dell’antica scuola filosofica di Parmenide.
Il rientro è previsto in serata all’agriturismo I Moresani di Casal Velino per la cena.

Info e contatti: imoresani@hotmail.com; http://www.imoresani.comhttp://www.cilentohorserinding.co​m
tel.: 3473605586 (Gino Fedullo) – 3463091085 (Marco Porcedda) – 3497742878 (Claudia Voiro).

~ di cavallo2m su luglio 8, 2011.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: